Il mare e gli uomini

Testi e foto di Alberto (Alan) Scerbanenko

A mezzo miglio circa a Sud Est di Drauto, quasi invisibili nelle notti senza luna e con l’alta marea, escono appena dal mare una manciata di scogli affilati. Le Formiche, questo è il loro nome, sono il killer silenzioso contro il quale si sono schiantate e spesso affondate, dall’antichità sino ai giorni nostri, imbarcazioni di ogni tipo. Dei cinque relitti di navi che si conoscono intorno a Panarea, tre (Roghi, Alberti, Formiche) sono sui fondali adiacenti a questi scogli. Il Relitto Dattilo, tra le Formiche e Dattilo, è molto probabilmente il risultato di una falla apertasi per una collisione con Le Formiche che ha portato all’affondamento della nave qualche centinaio di metri più a Nord.

Anche il relitto dello Llanishen, un cargo gallese affondato nel 1885 a Sud di Lisca Bianca, è con molta probabilità, riconducibile ad una collisione con Le Formiche.

Cliccare per una mappa più larga

In tempi più recenti, partendo dal 2000, la lista delle collisioni di natanti con Le Formiche è impressionante. Agosto del 2001, il catamarano passeggeri Alexa, della SNAV, ci si è impalato e l’urto ha causato due feriti e danni ingenti. Agosto del 2010 è stata la volta della Naxos, nave cisterna, che si è incagliata e ha potuto cavarsela con l’aiuto di un rimorchiatore. Luglio del 2014, è il turno di un grosso gommone cabinato di 9 metri. Agosto del 2017, un cabinato OTAN 45 di 12 metri ci finisce sopra e affonda. Questa è probabilmente una lista non completa.

 

Di norma, il mare di Panarea e gli uomini che lo hanno solcato, hanno avuto una convivenza meno drammatica di quanto descritto sopra. Il mare di Panarea, in passato molto più pescoso di quello di oggi, ha permesso la sopravvivenza di generazioni di pescatori il cui numero si è ora ridotto. Alcune immagini parlano di questa situazione e anche della peschiera romana sommersa di Basiluzzo, attinente ad una villa del I secolo. A partire dagli anni ’80 del secolo scorso, con l’avvento del turismo di massa, le relazioni tra il mare e l’uomo si sono modificate ed è questo che ho cercato di illustrare in alcuni dei suoi aspetti più significativi.